Feeds:
Articoli
Commenti
prince_zeid_raad_zeid_al-hussein_20061212

Prince Zeid bin Ra’ad

Prince Zeid Ra’ad Zeid Al-Hussein (born 26 January 1964) is the current United Nations High Commissioner for Human Rights, having taken up this post in September 2014.[1] He is the son of Prince Ra’ad bin Zeid, Lord Chamberlain of Jordan, and his Swedish-born wife Margaretha Inga Elisabeth Lind, subsequently known as Majda Raad. Previously, he was Jordan‘s Permanent Representative to the United Nations. From 2007 to 2010 he served as Jordan’s Ambassador to the United States and non-resident Ambassador to Mexico. Zeid played a central role in the establishment of the International Criminal Court, and was elected the first president of the Assembly of State Parties of the International Criminal Court in September 2002. He also served as a political affairs officer in UNPROFOR, in the former Yugoslavia, from 1994 to 1996.

Zeid warns against populists and demagogues in Europe and U.S.

UN High Commissioner for Human Rights Zeid Ra’ad Al Hussein urges action to confront demagogues who blend fictional halcyon past with half truths and simplification, resulting in “the banalization of bigotry” and an atmosphere of hate that may slide into violence:

PS: please note actress Sharon Stone seated in the first raw

https://www.youtube.com/watch?v=KgrvCKNcCpE

Zeid was born in Amman, Jordan. He was educated at Reed’s School, Surrey, in England, then at Johns Hopkins University in the United States, where he was a prominent member of the university’s rugby club and graduated B.A. in 1987. He was then a research student at Christ’s College, Cambridge, where he gained a Ph.D in 1993.

In 1989 Prince Zeid received his commission as an officer in the Jordanian desert police (the successor to the Arab Legion), and saw service with them until 1994. He then spent two years as a political officer in UNPROFOR, the UN force in the Former Yugoslavia.

Zeid served as Jordan’s Deputy Permanent Representative, and then Permanent Representative, at the United Nationsfrom 1996 to 2007. For three years he was Jordan’s Ambassador to the United States of America, then in 2010 returned to the UN as Jordan’s Permanent Representative.

In January 2014 Zeid was appointed as president of the United Nations Security Council and chaired the Security Council’s 1533 and 1521 committees, with regard to two sanctions regimes: the Democratic Republic of the Congo andLiberia.

From 16 September 2010 to 7 March 2012, Zeid was the Chairman of the Country-Specific Configuration of the UN Peace Building Commission for Liberia. He also chaired the search committee for the selection of the second prosecutor of the International Criminal Court in 2011.

With reference to the International Criminal Court, and from 1996 to 2010, he was:

  • President of the Assembly of State Parties to the Rome Statute of the International Criminal Court (2002–2005).
  • Chairman of the informal negotiations on the ‘elements’ of the individual offenses falling under the crimes of: Genocide, Crimes Against Humanity and War Crimes(1999-2000).
  • Chairman of the Working Group on the Crime of Aggression at the Review Conference of the Rome Statute in Kampala (June 2010).

While at the UN, he further chaired the Consultative Committee for the United Nations Development Fund for Women (UNIFEM) from 2004–2007 and in 2004 was named Advisor to the Secretary-General on Sexual Exploitation and Abuse in UN peacekeeping. During his two-year tenure, he issued a ground-breaking report on eliminating such abuse from all peacekeeping operations, which became known as the ‘Zeid Report’.[2]

Zeid delivered the Grotius Lecture at the 102nd Annual Meeting of the American Society of International Law (April 2008) entitled: ‘For Love of Country and International Criminal Law’. Prince Zeid was a member of the Advisory Committee to the Institute for Historical Justice and Reconciliation. He was also a member of the World Bank‘s Advisory Council for the World Development Report 2011 and the International Advisory Board of the Auschwitz Institute for Peace and Reconciliation.[3]

On June 6, 2014, U.N. Secretary-General Ban Ki-moon proposed that Prince Zeid replace Navi Pillay as the United Nations’ human rights chief based in Geneva. The nomination, which was subsequently approved by the 193-nation U.N. General Assembly, made him the first Muslim to lead the UN Human Rights Office.[4] Full texts of all his statements are available at the website of the Office of the High Commissioner for Human Rights.[5] In that capacity he has stated, “There is no justification ever, for the degrading, the debasing or the exploitation of other human beings – on whatever basis: nationality, race, ethnicity, religion, gender, sexual orientation, disability, age or caste.”[6]

Tenure as UN High Commissioner for Human Rights

On 8 September 2014, in his maiden speech to the UN’s 47-member council at the body’s 27th session in Geneva, Zeid strongly criticized the so-called Islamic Stategroup, saying it was trying to create a “house of blood”. He called on the international community to combat the spread of the movement in Iraq and Syria, asking, “[Do] they believe they (ISIS) are acting courageously, barbarically slaughtering captives?” The massacres, beheadings, rape and torture “reveal only what a Takfiri (ie. ‘excommunicator’ in Arabic) state would look like, should this movement actually try to govern in the future”, he said. “It would be a harsh, mean-spirited house of blood, where no shade would be offered, nor shelter given to any non-Takfiri in their midst”. In a speech at the US Holocaust Memorial Museum, the Commissioner said that lessons from the Holocaust provide a key to understanding ISIS. He said: “If we have learned anything from our collective history, it is this: Scrambling only for ourselves, our people, our political or religious ideology, or for our own kind will only scramble it all — eventually, sometimes horrifyingly so — for everyone.” According to press accounts, he said “The solution he proposed for avoiding atrocities such as the Holocaust was human rights education for every child in the world, beginning before the age of nine. ‘In this way, from Catholic parochial schools to the most secular public institutions, and indeed Islamic madrassahs, children could learn — even in kindergarten — and experience the fundamental human rights values of equality, justice and respect.'”[7]

The newly appointed Commissioner also focused on other troubled areas of the world, including Venezuela, Ukraine and Gaza.[8] His press statements are available on the website of his office.[5]

He has reported to the Security Council on Iraq[9] and other countries, and spoken of the need for greater moral courage to ensure equality and human rights for all: “Children need to learn what bigotry and chauvinism are, and the evil they can produce. They need to learn that blind obedience can be exploited by authority figures for wicked ends. They should also learn that they are not exceptional because of where they were born, how they look, what passport they carry, or the social class, caste or creed of their parents; they should learn that no-one is intrinsically superior to her or his fellow human beings … Sadly, they must learn that the Zeppelin Field, the shadow of Buchenwald, the glint of the machete and the horror of life today in Syria, Iraq, South Sudan, Central African Republic and elsewhere – wherever we live, they are never that far away.”[10]

He said that the United States had an obligation under international law to prosecute all those responsible for C.I.A. torture, from those who carried out interrogations to policy makers and higher-ups who gave the orders.[11]

On 17 April 2015, Prince Zeid placed the field operations director at the OHCHR, Anders Kompass, under administrative leave after Kompass provided French authorities with an internal UN report detailing sexual abuse of children by French UN peacekeeping troops in the Central African Republic.[12] The decision was reversed on 5 May 2015 after being found “prima facie unlawful” by the United Nations Dispute Tribunal[13][14]

On 17 August 2016, Zeid Ra’ad Al Hussein expressed deep regret at the failure of UN Human Rights Office to gain access to Kashmir, despite allegations of state sponsorship of violence and the almost daily reports of violence in the region. [15]

Personal life

Zeid is the son of Prince Ra’ad bin Zeid, Lord Chamberlain of Jordan. His paternal grandmother was the renowned Turkish painter Princess Fahrelnissa Zeid who was married to Prince Zeid bin Hussein.[16]

The UN does not permit the use of royal or other titles by its officials in the context of their official work.

Prince Zeid was married on the 5 July 2000 in Amman to Sarah Butler, known as Princess Sarah Zeid after her marriage, who was born in Houston, Texas, on 1 August 1972. She was educated at Prior’s Field, Hurtwood House in Surrey, and has a BA in International Relations from the University of St. Thomas in Houston, Texas and an MSC in Development Studies from SOAS, University of London. She was then employed with the United Nations Organization in New York City, where she served in the development program, the peace-keeping department and UNICEF. She is the daughter of Dr Godfrey Butler, a British geologist and a consultant to international oil companies, and Jean H. Butler.[17]

(from Wikipedia)

53695509

Chi sono i RADICAL CHIC? 

Di seguito un paio di libri che vi aiuteranno a mettere a fuoco questi pericolosi individui che si annidano nei salotti buoni della societa’, per sabotarla. Sono tanti, si nascondo nelle loro ville di campagna dove coltivano le olive, producono marmellate e crescono colonie feline. Partecipano a mercatini e fiere di paese, comprano formaggio solo nelle fattorie biologiche ma poi vanno in citta’ per acquistare costosi vestiti. Amano la buona arte e la lettura e spesso si dedicano alla stesura di romanzi con l’aiuto di altri amici radical chic. Amano arredare le loro ville con lusso, amano viaggiare e godersi la vita e la pensione a scapito di milioni di giovani disoccupati, per i cui diritti pretendono di battersi. Si battono strenuamente per i diritti degli omosessuali e degli immigrati illegali, cui vorrebbero cedere tutti i paesi semiabbandonati dell’Italia per ripopolarli. Pretendono di battersi per tutte le categorie indifese, ma di fatto si reggono il gioco a vicenda per rimanere nei salotti buoni e continuare a rubare il futuro e la liberta’ ai giovani. Sono fieramente anticlericali, comunque atei, ma simpatizzano per i musulmani. Sono tanti, sono ricchi, sono avidi ed egoisti, si fingono paladini della pace e delle liberta’: attenzione, se ne conosci uno, stanne alla larga.

LA CASTA DEI RADICAL CHIC.indd

41gCvkt3ssL._SX332_BO1,204,203,200_

 

Tratto dal sito della deputata del Partito Democratico italiano: www.monicacirinna.it

Sono nata a Roma il 15 febbraio del 1963 in una famiglia di origine cattolica e i miei primi studi li ho fatti in una scuola privata di suore nella Capitale.

Poi, nonostante le iniziali opposizioni materne, sono riuscita a “trasferirmi” al Liceo Classico Statale Tacito dove ho scoperto il movimento studentesco al quale ho partecipato attivamente.

Dopo le scuole superiori mi sono iscritta alla Facoltà di Legge ottenendo la Laurea in Giurisprudenza con una tesi in procedura penale discussa davanti al Professor Franco Cordero, al quale ho poi fatto d’assistente per ben 10 anni. Ma quando il professor Cordero si è ritirato dall’insegnamento…

ho deciso di abbandonare la carriera universitaria per dedicarmi all’altra mia passione: la politica con una particolare attenzione all’ambiente, ai diritti delle donne e al mondo animalista.

Il 1991 è stato per me un anno importante. Ho infatti fondato l’ARCA (Associazione Romana Cura Animali) con l’obiettivo di prendersi cura delle colonie feline e dei gatti e di assistere i loro amici umani, a Roma detti “gattari”, in tutte le situazioni difficili, oltre ad aver combattuto per l’approvazione, poi avvenuta, di una legge che anche in Italia vietasse la soppressione di cani e gatti nei canili comunali.

Due anni dopo, nel 1993, sono stata eletta come consigliere comunale nel partito dei Verdi che all’epoca sostenne la candidatura vincente di Francesco Rutelli, a sindaco di Roma. Venni così nominata dal sindaco Consigliera Delegata alle Politiche per i Diritti degli Animali e Vicepresidente della Commissione Ambiente. E’ nato così, nel giro di poco tempo, il primo ufficio comunale per i diritti degli animali, un’esperienza politico-amministrativa di grande successo e che venne poi esportata in tanti altri Comuni.
Nel 1997, al mio secondo mandato al Comune di Roma, sono stata Presidente della Commissione delle Elette, una bellissima esperienza che mi ha consentito di occuparmi direttamente dei tanti problemi connessi ai diritti delle donne e alla valorizzazione della differenza di genere, ottenendo anche dei grandi soddisfazioni, come la nascita della Casa Internazionale delle Donne, nel complesso monumentale del Buon Pastore.
Nel mio terzo mandato, nel 2001, con Walter Veltroni come sindaco, mi venne di nuovo assegnata la delega dell‘Ufficio Diritti degli animali, oltre alla carica di vicepresidente vicaria del Consiglio comunale. Sono gli anni nei quali siamo riusciti a trasformare il vecchio Zoo di Villa Borghese nel Bioparco che conosciamo oggi, dove gli animali hanno trovato, per quanto possibile in cattività, nuova vita e dignità, e il periodo nel quale è stato creato il nuovo canile comunale di Muratella ed è stato trasformato in oasi felina il vecchio canile di Porta Portese.
Mentre nella consiliatura successiva, sempre con il sindaco Walter Veltroni, sono riuscita a dare alla città, per la prima volta, il Regolamento capitolino per la tutela degli animali, votato all’unanimità in consiglio comunale, e ancora vigente.
Gli anni più difficili, umanamente e politicamente, sono stati indubbiamente quelli con Gianni Alemanno sindaco, quando eletta per la quinta volta al consiglio comunale, sono stata per la prima volta all’opposizione. In quegli anni sono stata l’unica donna eletta nel Partito democratico a Roma, e proprio per questo sono stata nuovamente alla presidenza della commissione delle elette. Anni di battaglie durissime, tra le quali ricordo con soddisfazione quella per il riconoscimento della rappresentanza delle donne nella Giunta Comunale per la quale ho presentato due ricorsi al Tar costringendo Alemanno, per ben due volte, a rivedere la composizione della sua giunta di centrodestra.
Un’amministrazione pessima, della quale ancora paghiamo le conseguenze, che ha provveduto, tra l’altro, a depauperare l’Ufficio Tutela Animali del Dipartimento Ambiente.

Ripenso spesso ai miei vent’anni al Comune di Roma, anni durante i quali ho sempre lavorato e cercato di prendermi cura della mia città e di tutti i suoi cittadini, umani e non umani. Un’esperienza che mi ha portato, con il sostegno di tanti romani, ad essere eletta con il Partito democratico al Senato nel 2013, dopo aver partecipato alla Parlamentarie, volute dell’allora segretario Bersani.

Al mio arrivo a Palazzo Madama sono stata assegnata alla Commissione di Giustizia dove, tra l’altro, ho continuato la mia battaglia contro la corruzione (firmando il ddl del Presidente del Senato Pietro Grasso), per legittimare le scelte alimentari vegetariane e vegane e per regolamentare la vita delle coppie dello stesso sesso.

Un lavoro duro e appassionante quello sulle unioni civili che ha portato in discussione al Senato il famigerato “testo Cirinnà”, che ha unito le tante proposte politiche sul tema. Un testo, ora incardinato in aula come ddl 2081, che mi auguro presto, potrà riconoscere finalmente alle coppie composte da persone dello stesso sesso l’ufficializzazione della loro unione d’innanzi all’ Ufficiale dello Stato civile regolamentando così tutti i doveri, diritti e responsabilità reciproci, come avviene per le coppie eterosessuali coniugate.

Ma questa legge prevede anche, nel titolo secondo, una serie di diritti riconosciuti anche alle coppie di fatto, conviventi more uxorio,cosa fino ad ora in Italia mai avvenuta. Io non mollo.

Voglio portare questa battaglia fino in fondo per dare al nostro Paese una legislazione moderna e avanzata, vicina ai bisogni delle persone, che riconosca con piena legittimità e dignità le tante forme di famiglia presenti nella nostra società.

Sono una parlamentare di uno stato laico e rispondo solo al dettato Costituzionale. Oltre alla politica ho anche una grande passione per la scrittura e il racconto: ho pubblicato per Newton quattro libri, su cani e gatti, scritti con la mia amica del cuore Lilli Garrone.

La mia vita privata
Sono sposata con Esterino Montino, mio collega di partito e di impegno politico, con il quale condivido la passione per la natura e gli animali, i viaggi e la buona tavola.

Abbiamo un’ azienda agricola biologica in Maremma Toscana, la CapalBIOfattoria, nella quale produciamo vino, olio, marmellate e ortaggi, dove lavorano i nostri figli Fabio e Luca.

Non ho figli miei ma ne ho acquisiti 4, quelli di mio marito, più i rispettivi nipoti.  Con Esterino ci siamo conosciuti nel lontano 1993, durante l’amministrazione Rutelli nella quale eravamo entrambi eletti in Campidoglio, ci siamo poi sposati il 10 giugno del 2011. Abbiamo anche tanti figli non umani , quattro cani , Arno Luna e Orso maremmani enormi, e Libera, una piccola Beagle che ho salvato dalla morte per sperimentazione nel terribile canile Green Hill , a quattro gatti tutti salvati dalla strada , Red Tiger Mizzi e Rosita. Due meravigliose cavalle è una famigliola di asini amiatini.

 Ecco signori e signore, il ritratto di una perfetta radical-chic, paladina dei diritti animali, umani e anche disumani

Di Luigi Amicone per “Tempi”, Febbraio 12, 2016 

unioni-civili-gay-cirinna-manifestazione-ansa

Monica Cirinna’

Atrofia dell’esperienza. Non si capisce di cosa stiamo veramente parlando quando parliamo di “progresso”, “diritti”, “amore”, “famiglie arcobaleno” e, dunque di legge Cirinnà, se stiamo attaccati alle chiacchiere di Luxuria, ai like di Facebook, alle chimere dei discorsi campati per aria.

E soprattutto se ci facciamo adescare dai filmati tv che servono gli occhi di tutti noi e le emozioni di ciascuno di noi con le immagini Mulino Bianco delle felicissime coppie gay che tengono in braccio dolcissimi bebè. Da dove provengono questi affreschi che nulla hanno da invidiare ai languidi, devoti, bigotti e sdolcinati ritratti ottocenteschi di sacre famiglie e madonnine infilzate?

Solo una grave atrofia dell’esperienza, naturalmente supportata dall’illusionismo digitale e dal bombardamento mediatico del virtuale, può far perdere di vista la realtà contenuta nelle narrazioni zuccherose svolte per immagini zuccherine. Nessuno che lavori nel marketing e nei backstage delle tv ci crede. Nessuno degli operatori televisivi ha occhi ed emozioni per quello che vediamo e emoziona noi. È un lavoro come gli altri versare atropina digitale negli occhi del pubblico e produrre nello spettatore emozioni. È vendere un prodotto.

Fortuna vuole che chi scrive ha vissuto in un’altra vita esperienze da manovale, backstage e, soprattutto, di acquirente-venditore. Operaio al trapano. Scaricatore di Tir. Cavia per medicinali da testare. E promotore basico di prodotti discografici.
Quest’ultimo, in particolare, è un ricordo interessante per l’oggetto in questione. Si trattava infatti di un mestiere elementare, proprio da ragazzini, e che più si avvicina all’attuale attività di chi va all’estero ad acquistare un bambino e torna in Italia per chiederne l’adozione.

Qui lo scopo è la creazione di situazioni di fatto per arrivare a forzare la mano del legislatore e ottenere il riconoscimento dello status di “famiglia”. Là si trattava di comprare dischi per invogliare il negoziante a rifornirsi di determinati titoli. Qui c’è un’operazione altrettanto economica, ma con scopi politico-idealistici (matrimonio e famiglia egualitari) e nobilmente motivati da desiderio e da amore. Di fatto, io compravo dischi, questi comprano bambini.

È lo stesso identico processo per cui io incassavo (denaro) per promuovere le vendite di un certo manufatto (il disco). Questi incassano il beneficio di un manufatto ottenuto col denaro (il bambino). Però l’effetto qui è spropositato. Non solo c’è il beneficio di un manufatto ottenuto col denaro e promuove un’immagine nobile e idealistica di un certo gruppo sociale. Ma c’è anche l’effetto politico rivoluzionario. Mentre si tace, resta completamente oscurato, tutto il resto. Cioè la più prosaica e per niente idealistica e nobile realtà di una industria (denaro, profitti) che non è discografica o di robot. No, è proprio industria e commercio di quei particolari manufatti: i bambini.

Ho scritto “manufatto” e non sbaglio perché, in ogni caso, la dimensione umana della sessualità e della fecondità è abolita. Cosa vuol dire, infatti, separare un bambino dalla possibilità di nascere dalla relazione intima tra un uomo e una donna? Significa abolire la possibilità umana e attivare la protesi dell’umano, la produttività tecnica.
Nel caso di una coppia gay il bambino è un prodotto che sfila sulla linea della nuova catena fordista dello sperma, ovulo e utero in affitto se si tratta di due uomini. Della fecondazione in provetta e trasferimento dell’embrione in utero (o per intervento di manovalanza maschile) se si tratta di due donne.

Non mettiamo di mezzo visioni religiose e convinzioni relative all’immagine divina della persona umana.Vediamo la cosa dal punto di vista prettamente materialista. Vogliamo ricordare alla sinistra postcomunista e postsocialista, che questo tipo di produzione ha innanzitutto la caratteristica dell’alienazione e della parcellizzazione capitalistica del lavoro come mai si erano osservati prima d’oggi nel processo di produzione e accumulazione capitalistica. È qualcosa che la sinistra – postsocialista o postcomunista – dovrebbe aborrire e combattere dal più profondo di sé e della propria identità storica.

Infatti, sebbene nella produzione dei manufatti l’operaio o l’operaia sono alienati e parcellizzati in quanto non possiedono il significato complessivo del loro lavoro perché ognuno produce sempre e soltanto il proprio segmento (il bullone) e non il prodotto finito (l’automobile), siamo pur sempre nelle condizioni per cui il lavoratore non deve spogliarsi di parti della propria umanità per produrre un determinato oggetto. Diversamente, l’acquirente finale di un bambino sfrutta il lavoro alienato e parcellizzato di uomini e, soprattutto di donne, che, in cambio di un salario, cedono alla produzione capitalistica anche una parte di se stessi. Non soltanto la propria “forza lavoro”. Ma tutto intero il proprio corpo, i propri sentimenti, le proprie emozioni, i propri desideri.

Dalla catena di produzione capitalistica di stampo fordista della rivoluzione industriale americana uscivano solo automobili, televisori, lavatrici eccetera. Adesso, grazie alla “rivoluzione Lgbt”, dalla stessa catena di montaggio comincia ad uscire vita umana, embrioni umani, bambini. Questa è la narrazione, l’informazione e la dialettica decisiva che manca nell’epoca in cui le immagini e le emozioni possono essere giocate per dire tutto e il contrario di tutto.

Ma se prendi un telecamera e la pianti sulla testa o nel petto di due uomini e due donne alla prese con l’amore e il desiderio di un bambino prodotto per via tecno-scientifica, cosa vedi? Vedi quella catena di montaggio lì. Dove l’essere umano diventa un televisore, un’automobile, una lavatrice. Perché non montano una videocamera GoPro anche sulla testa di coppie che vanno su internet, nei laboratori e nelle cliniche della procreazione in provetta e in utero in affitto per far sentire al pubblico quale emozione si prova nel vedere da quale cicogna arriva un bambino di cosiddetta “famiglia arcobaleno”? Certo che anche le coppie etero possono fare lo stesso. Ma non potevano essere loro i ragazzini che vanno a comprare il disco per promuovere una certa etichetta. È evidente, c’era bisogno di venditori-acquirenti la cui unione escludesse tassativamente la possibilità di avere bambini.

Dunque, sull’operazione “idealistica” dei commessi viaggiatori cosa resta da dire? Resta da dire che non c’è niente di nuovo sotto il sole dell’industria e del marketing. Esattamente come noi ragazzi venivamo radunati dagli impiegati di una certa major discografica in un ufficio dietro piazza del Duomo a Milano e, divisi per zone, per gruppi, ciascuno dotato della sua bella lista di indirizzi di negozi, venivamo spediti in giro ad acquistare i 45 giri o gli Lp di determinati cantanti, fungendo da finti e innocenti consumatori per spingere i negozianti a rifornirsi di certi titoli. Analogamente, ma con la sofisticazione che ha il marketing nell’era digitale, dell’evento creato ad arte e che corre alla velocità della luce e che diventa virale se ben supportato dalla rete marketing (è il caso dell’agenda raimbow), a partire dall’America (vedi san Francisco) le coppie dello stesso sesso politicamente e ideologicamente motivate a pretendere un certo status sociale, sono state ingaggiate (e non so se anche pagate come le case discografiche pagavano noi ragazzi del ’56) per essere i perfetti venditori dell’intera filiera (ovuli, sperma, embrioni, eugenetica, corpi di donne eccetera) del capitalismo attivo nel segmento industriale della procreazione e manipolazione delle vita umana.

Questa è la nuova corsa all’oro. Coperta di nobiltà ideale e di amore arcobaleno. Ma non è, e non sarà mai (anche se tutte le leggi del mondo si adeguassero all’odierna legge del capitalismo) “famiglia”.

Turri_cover

Il Corriere del Sud n. 9 – anno XXIII, 31 dicembre 2015

Appunti per una storia. Seconda parte

di Gianluca Agostini

Il primo studio organico sull’argomento della “Gladio rossa”, struttura paramilitare di natura clandestina organizzata dal Pci nel 1945 e sciolta nel 1974, è quello di Gian Paolo Pellizzaro che, nella sua pubblicazione Gladio Rossa (ed. Settimo Sigillo, Roma 1997), ha riportato il cd. “Dossier SIFAR”, dall’acronimo dell’allora servizio segreto militare, datato 28 febbraio 1950.

Tale “Dossier” è rimasto segreto fino al 26 giugno 1991, quando fu declassificato e intitolato “L’apparato paramilitare comunista”. Descrive nel dettaglio la struttura di comando dell’organizzazione, suddividendola per regioni. Nel documento sono riportati inoltre i nomi dei quadri dirigenti e gli obiettivi da colpire, la dislocazione delle forze in campo regione per regione, le strutture d’appoggio.

I capi politici che sovraintendevano all’apparato militare erano Luigi Longo (per le formazioni garibaldine), Sandro Pertini (per le brigate “Matteotti”), Emilio Lussu (per le formazioni “Giustizia e Libertà”), Ettore Troilo (per gli indipendenti), Arnaldo Azzi (per le formazioni all’estero). I capi militari erano indicati in Arrigo Boldrini, Ilio Barontini, Gisella Floreanini, Fausto Nitti e Mario Roveda.

Secondo il SIFAR, nel dopoguerra il PCI poteva contare su un esercito “occulto” di 250 mila unità, che si sarebbero quadruplicate in caso di invasione da Est da parte delle forze del Patto di Varsavia.

Una differente prospettiva è offerta dalle pubblicazioni di Rocco Turi Gladio Rossa (ed. Marsilio 2004) e Storia segreta del PCI dai partigiani al caso Moro (ed. Rubbettino nel 2013), che legano la struttura paramilitare alla già ricordata Politická škola soudruha Synka, attiva in Cecoslovacchia fin dagli anni cinquanta e organizzata dai responsabili della “Volante Rossa” che imperversò nel Nord Italia tra il 1945 e il 1949 (in particolare a Milano) con attentati e azioni di sabotaggio, dei quali il PCI favorì l’espatrio oltrecortina per sottrarli al giudizio dei Tribunali italiani.

In Cecoslovacchia diedero vita a “scuole di sabotaggio e addestramento” (in particolare Karlovy Vary) rivolte ad altri “emigrati” italiani per ragioni politiche, alcuni dei quali (in particolare Alberto Franceschini e Giangiacomo Feltrinelli) avrebbero ingrossato “l’album di famiglia” del terrorismo comunista degli anni Settanta-Ottanta.

La stessa relazione di maggioranza della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e l’assassinio di Aldo Moro, pur respingendo l’ipotesi di una “pista cecoslovacca” (Donno riporta come tale “pista” sia stata all’attenzione dei servizi d’informazione già dal 1952), confermava però che Franceschini e Feltrinelli ed altri esponenti del terrorismo comunista soggiornarono in Cecoslovacchia ed entrarono in contatto con ambienti dell’emigrazione comunista (in particolare Radio Praga) e che campi di addestramento militare erano frequentati da libici che erano entrati in contatto con giovani che si esprimevano in lingua italiana (il ruolo “cecoslovacco” nel supporto al terrorismo brigatista fu confermato anche da Walter Laquer, direttore del Centro studi strategici internazionali di Washington).

Per quel che concerne l’informazione, le prime notizie sull’apparato paramilitare sono quelle riportate negli articoli del settimanale L’Europeo del 31 maggio 1991. “Di Gladio ne esisteva un’altra: quella rossa”: è a partire da quest’articolo, firmato da Romano Cantore e Vittorio Scutti, che l’espressione sarà utilizzata con riferimento all’apparato paramilitare del PCI. Poi è possibile menzionare un altro importante pezzo giornalistico, intitolato “La lunga notte della Gladio rossa”, apparso nel successivo numero della rivista allora diretta da Vittorio Feltri, del 7 giugno 1991. Entrambi gli articoli rivestono ancora interesse perché in conseguenza delle rivelazioni in essi contenute, la Procura della Repubblica di Roma avviò un’inchiesta, che si è protratta dal 1991 al 1994.

I PM Luigi de Ficchy e Franco Ionta hanno potuto indagare solo su fonti di tipo indiretto, in cui l’organizzazione è descritta nella sua articolazione generale. Da esse non è stato possibile individuare reati attribuibili a singole persone. Eventuali richieste di rinvio a giudizio per banda armata si sarebbero comunque scontrate con i tempi di prescrizione, già ampiamente scaduti. L’indagine si è conclusa nel maggio 1994 con la proposta di archiviazione.

Nel dispositivo con cui il giudice Claudio D’Angelo ha accolto la richiesta di archiviazione, a conferma del ruolo svolto dalla struttura paramilitare comunista, è riportato: «Ritenuto che, a parte gli inquietanti molteplici e gravi riferimenti nella documentazione acquisita, a corsi di addestramento al sabotaggio; all’uso di armi e di esplosivi; a tecniche di travisamento e di comunicazione radio in forma clandestina, presupponenti la creazione in Italia di strutture paramilitari e spionistiche, realizzate anche con la fattiva collaborazione del KGB e grazie a un notevole flusso di danaro proveniente dal PCUS e dalle facilitazioni commerciali a ditte import – export che, vicine al PCI e/o da questo sponsorizzate, hanno tranquillamente ed esclusivamente operato, in epoca antecedente e susseguente all’invasione dell’Ungheria e della Cecoslovacchia ad opera dell’URSS; non appare processualmente possibile dimostrare, a distanza di tanti, troppi anni, che l’interesse dell’URSS nei confronti dei militanti comunisti italiani si sia tramutato in una vera e propria corruzione del cittadino italiano per interessi contrari allo Stato italiano, né che l’accertata predisposizione da parte del PCI di meccanismi difensivi in vista del temuto cambiamento del clima politico in Italia abbia assunto dimensioni tali da costituire un serio concreto pericolo per lo Stato, per le sue democratiche istituzioni, per la collettività nazionale, per i singoli appartenenti» (il decreto di archiviazione 77/94 Tribunale di Roma è riportato anche in Victor Zaslavsky  – Lo stalinismo e la sinistra italiana, op. cit., p. 48).

11953153_1000376233346482_2850219812760954416_n

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: